SomariTeam

relazioni

/Falcipieri00.jpg
Prealpi - Piccole Dolomiti
Falcipieri s.a. - Pasubio
1928 m
Colle Xomo-Bocchetta Campiglia 1220 m
900 m
7/8 h
facile/media
►►►►
rif. Papa 1928 m

Percorso molto suggestivo che collega Bocchetta Campiglia alle Porte del Pasubio passando lungo la cresta sovrastante la famosa Strada delle 52 Gallerie. Il Sentiero Falcipieri -
chiamato anche Sentiero delle Cinque cime - è attrezzato solo in parte e presenta numerosi saliscendi. Il percorso si snoda in una zona, il Pasubio, teatro di aspri combattimenti
durante la Prima guerra mondiale.

Percorrere la SS 46 del Pasubio che collega Rovereto con Valli del Pasubio. Poco sotto il Pian delle Fugazze sul versante veneto, in località Prato Verde, girare in direzione Passo Xomo (cartello segnaletico Strada delle 52 Gallerie). Arrivati al passo, si gira a sinistra e, per strada molto stretta ma praticabile, si arriva a Bocchetta Campiglia dove si trova un ampio parcheggio (1220 m).

Di fronte spicca l’ingombrante ingresso alla Strada delle 52 Gallerie. A destra di questo un cartello con indicazione Sentiero Falcipieri ci indica l’inizio del percorso sul 367. Ci addentriamo quindi nel bosco facendo molta attenzione a non perdere il segnavia. Dopo mezz’ora circa arriviamo ad uno spigolo di roccia che emerge dalla boscaglia. Le attrezzature iniziano poco dopo, ma questo è il punto migliore per imbragarsi.
Si inizia per brevi e facili camini attrezzati, inframmezzati da ampi tratti di sentiero piuttosto ripidi. In breve tempo arriviamo ad affrontare un camino attrezzato di circa quattro metri, all’inizio del quale vi è una staffa. E’ questo probabilmente il passaggio più impegnativo dell’intera via. Si continua ancora per tratti di sentiero che passano, in alcuni punti, a pochi metri dalla sottostante strada delle Gallerie, la quale si può raggiungere sfruttando le numerose vie di fuga presenti. Si affronta un breve tratto attrezzato in discesa, una successiva cresta erbosa e un altro spigolo un po’ esposto, fino a giungere alla base della parete del Bovolo: questa viene affrontata mediante l’ausilio di una lunga scala. Una successiva cengia molto esposta ed un camino attrezzato non difficile ci portano ad un bel sentiero in cresta, superato il quale arriviamo alla prima delle cinque cime - Bella Laita (1881 m – 1.30’).
Sempre per sentiero di cresta arriviamo rapidamente alla seconda vetta, cima Cuaro (1939 m), dalla quale scendiamo in maniera decisa verso Forcella Camozzara affrontando una parete attrezzata che richiede un minimo di concentrazione. Dalla forcella risaliamo sul versante opposto verso Cima Forni Alti (2023 m – croce di ferro). E’ questo un tratto molto
bello dove si alternano balze attrezzate e passaggi non assicurati di divertente e facile arrampicata. Da cima Forni Alti scendiamo prima su cresta e poi per una cengia esposta che termina al cospetto di due gallerie di guerra. Il percorso prosegue facendoci scendere per alcuni brevi tratti di roccia attrezzati fino al Passo Fontana d’Oro (1875 m – 1.40’).
Da questo è possibile girare a destra e arrivare al Rifugio Papa in circa trenta minuti per facile sentiero che sovrasta la Strada degli Scarubbi oppure ricollegarsi alla strada delle Gallerie sulla sinistra e da qui al rif. Papa (0.45’). Il sentiero Falcipieri prosegue invece dritto con segnavia poco evidente, salendo per un pendio erboso e alcuni tratti di roccia fino al Cimon del Soglio Rosso (2040 m) e cima dell’Osservatorio (2027 m). Da qui in discesa senza problemi fino alle porte del Pasubio dove sorge il rifugio Generale Achille Papa (1928 m – 1.20’).

Ci sono due possibilità per scendere. Dalle Porte del Pasubio si gira verso destra e si scende per la Strada degli Scarubbi oppure si affronta la bellissima e suggestiva Strada delle 52 Gallerie, un itinerario scavato completamente nella roccia dagli alpini nel 1917 per garantire rifornimenti alle truppe di stanza sul Pasubio. 
Subito a sinistra del rifugio inizia questo meraviglioso percorso con la galleria numero 52. Le gallerie infatti sono numerate dalla prima all’ultima e, chiaramente, la numerazione inizia da Bocchetta Campiglia. Inoltre ognuna di esse è dedicata ad un personaggio o ad un battaglione che hanno combattuto nella zona. La Strada è lunga oltre 6 chilometri di cui più di due in galleria.
Il primo tratto dal rifugio è in salita e i passaggi esterni sono molto esposti. All’altezza della galleria 47 tocchiamo la quota più alta del percorso (2000 m) e da questo punto si scende. In prossimità di Passo Fontana d’Oro una deviazione ci fa evitare un tratto franato. Si prosegue alternando tratti scavati nella roccia a parti in esterna, sempre accompagnati dalle splendide guglie e dai numerosi vaj che contraddistinguono le Piccole Dolomiti. Di particolare interesse è la galleria numero 20, sia per il caratteristico pinnacolo di roccia nel quale è scavata, sia per la particolare forma elicoidale. La successiva galleria 19, con i suoi 318 metri, è la più lunga di tutte e ci permette di guadagnare molto in termini di metri di dislivello. Dopo circa due ore di discesa lungo questa meraviglioso sentiero arriviamo a Bocchetta Campiglia (1220 m – 2.00’). L’ingresso della Strada da Bocchetta Campiglia, un bruttissimo manufatto di cemento rosso, stride decisamente con la bellezza del percorso appena affrontato.

Percorso non difficile ma è decisamente lungo, va pertanto affrontato con la dovuta preparazione fisica. Alcuni passaggi non sono da prendere sotto gamba specie per l’esposizione. Il problema è la lunghezza dell’intero itinerario. Con le dovute pausa si superano complessivamente le 7 ore. Meglio affrontarlo a inizio o fine estate, troppo caldo in piena estate. La discesa per la Strada delle 52 Gallerie è un’esperienza unica che ripaga enormemente della fatica.

Dal rif. Papa: 105/120 a N per Cima Palon ed i Denti – 377 ad E per Ganna – 370 ad E su Strada degli Scarubbi per Bocchetta Campiglia e Colle Xomo – 399 ad O su Strada degli Eroi e 300 a S entrambi al Pian delle Fugazze
Da passo Fontana d’Oro: 322 a S per Ponte Verde

2013
Davide e Maurizio
static map
0

PrivacyMenu

Copyright

Copyright © 2021 somariteam.it. Tutti i diritti riservati.