SomariTeam

relazioni

/CimaMandria00.jpg
Prealpi - Grappa
Cima Mandria - sent. Prà Sareser
1482 m
Fietta-S.Liberale 590 m
950 m
4 h
F+
►►►
malga Vedetta 1450 m

Piacevole ascensione ad una cima secondaria opposta a cima Grappa. L’ambiente delle alte malghe ed i panorami regalano una escursione meritevole se effettuata con
clima fresco e senza la meta di una vetta montana. La discesa lungo il Sentiero Prà Sareser, peraltro non obbligatoria, risulta impegnativa e da affrontare con
cautela ed esperienza. Possibile eventualmente invertire il senso di salita e discesa.

Dopo Crespano del Grappa seguire le indicazioni per Fietta e quindi per Valle San Liberale dove la stradina termina nei pressi di un ristorante e vicino ampio e ordinato parcheggio (590 m).

Seguire gli ultimi tornanti asfaltati sino ad uno spiazzo con indicazioni e tabelle. A destra oltre la sbarra – indicazioni Vedetta - seguire la forestale che con ampi e piacevoli tornanti si inerpica sul pendio boscoso con ottima e costante pendenza. Ad un tornante si innesta a sinistra il sentiero di rientro 149/149bis che sarà percorso in discesa (930 m – 0.40’).
Seguire ancora la forestale per pochi minuti sino ad una svolta a sinistra; a destra la sua prosecuzione in leggera discesa traversa a lungo sino ad incrociare la rotabile che scende da Cima Mandria sino in Val San Liberale. Ora si cammina su sentiero, ancorché comodo, più stretto e dalle pendenze appena più accentuate. Una serie di tornanti
aggira fin sopra una spalla rocciosa sino ad uscire dalla bassa vegetazione sotto il pendio finale verso la Vedetta. Lo sviluppo dei tornanti del pendio sono chiaramente visibili e la sagoma di malga Vedetta delinea il percorso. Con regolari e progressive serpentine ci si porta fin sotto la costruzione che si raggiunge nei pressi di uno dei vari rami della rotabile che collega le varie malghe della zona. Dietro la malga con gli ultimi metri si segue il crinale finale sino alla chiesetta posta sulla panoramica Cima della Mandria (1482 m – 1.10’). Panorami verso Cima Grappa, il Boccaor, Cime Meatte e le varie dorsali più lontane. Ad est la dorsale che porta verso il Palon ed il Tomba, ricca di testimonianze della grande guerra.

Dalla chiesetta si torna verso malga Vedetta ed al vicino crocevia si seguono le indicazioni per il sentiero 152 - da preferire alla breve e superflua risalita del colle a destra - interessante per le vecchie postazioni e scavato nella roccia. Dopo qualche metro di discesa si prosegue sino ad incrociare nuovamente la rotabile da dove è visibile il profilo di malga Archeson e dove troviamo l’indicazione del 149bis Sentiero Prà Sareser (1440 m – 0.20’). Eventualmente è possibile scendere anche poco oltre dal Col Gratarol sul 149.
Il Sentiero Prà Sareser – come segnalato – è riservato ad escursionisti esperti e confidenti con terreni instabili, ripidi ed alcuni tratti delicati oltre alla possibilità di tagliare accumuli nevosi in alcuni canali ad inizio stagione. Si scende subito ripidamente seguendo i numerosi segnavia presenti su scalinamenti esigui e brevi traversi. Si aggira uno sperone roccioso scendendo rapidi nel bosco, un breve traversino esposto ed instabile ed una successione di alcuni canali che ad inizio stagione possono presentare ripidi passi innevati. Dopo un precario traverso peraltro attrezzato con qualche metro di fune, si accosta una paretona spiovente con alcuni muretti a secco quindi un sottostante canale parzialmente attrezzato. Un altro traverso e quindi una più piacevole discesa tra gli alberi dove è facile incrociare qualche branco di camosci. Si prosegue nel bosco senza problemi di orientamento grazie ai numerosi segnavia sino ad incrociare da sinistra il 149 dal Col del Gratarol (1100 m - 0.40’).
In comune con questo a sinistra ora su traccia più agevole e meno impegnativa sino a rientrare nella forestale al bivio trovato in salita (930 m – 0.20’).
A ritroso sull’ormai facile e piacevole mulattiera sino al rientro a San Liberale (590 m – 0.30’)

Probabilmente è più agevole percorrere in salita il Sentiero Prà Sareser e scendere per il 155. Possibile comunque scendere poco oltre col 149 dal Col del Gratarol oppure – ancor meglio – continuare sul 152 e presso una panca seguire a sinistra il 153, bel sentiero panoramico lungo camminamenti ed alcune gallerie di guerra che presenta una
progressione più tranquilla su traccia comoda. Da evitare i periodi caldi.

Da Cima Mandria: ad E su 212 per Palon e Tomba-Possagno
Dal 152: bivio a S 149 dal Col del Gratarol e 153 per San Liberale / sentiero Meatte 152 – Pian de la Bala

2014
Luigi e Michele
static map
0

PrivacyMenu

Copyright

Copyright © 2021 somariteam.it. Tutti i diritti riservati.