SomariTeam

relazioni

/Filadonna00.jpg
Prealpi - Trentine
Becco di Filadonna - Vigolana
2150 m - 2148 m
Folgaria-Passo Sommo 1341 m
1300 m
6 h
F
►►►►
nessuno

Panoramica traversata sopra Folgaria dal Cornetto alla bella e singolare cima del Becco di Filadonna e quindi oltre sino al Vigolana. Spettacolari le vedute verso il Trentino e l’altopiano di Asiago ed oltre sino alle Dolomiti di Brenta. In salita si consiglia il facile sentiero attrezzato Gentilini che, seppur brevemente attrezzato, presenta esposizioni accentuate sul versante est del Cornetto.

Percorrere la Valdastico sulla SS 350 sino al termine e seguire le indicazioni per Folgaria. Poco prima del paese si giunge all’isolato passo Sommo dove si parcheggia nei pressi dello chalet (1341 m). Sin qui anche dalla Valsugana verso Centa S.Nicolò ed il passo della Fricca.

Oltre la strada si imbocca il segnavia 451 che lungo una larga mulattiera sale nel bosco per uscirne più sopra presso un edificio abbandonato (1540 m). Qui le tabelle indicano a destra e dopo una macchia d’alberi si sale sui verdi pendii con costanza e regolare pendenza. Ci si lascia guidare in piacevole ambiente isolato ed ormai libero da tutto il materiale dei vecchi impianti di risalita. Si rientra per pochi metri nella vegetazione per uscirne nuovamente su terreno meno omogeneo ma sempre su comoda traccia guadagnando livello verso le pendici meridionali del monte Cornetto. Quando sembra approssimarsene la salita finale si raggiungono alcune tabelle presso un bivio sul filo di cresta, punto d’accesso al sentiero attrezzato Gentilini 425b (1950 m – 1.10’).
Ci si sposta sul quasi verticale versante est del Cornetto dove è ben disegnata la linea in falsopiano che taglia la base della cima di poco sopra sulla sinistra. Dopo i primi passi attrezzati in discesa il sentiero prosegue spettacolarmente lungo una serie di cenge abbastanza larghe seppur precipitanti sul lato destro. Si aggirano alcuni spigoli lungo il percorso man mano che si apre la visuale sulle alture in prospettiva: Seconda e Terza Cima, Becco di Filadonna e Vigolana. Dopo un altro breve tratto attrezzato si prosegue ora su minor esposizione salendo leggermente verso la cresta che sembra quasi ricoperta interamente dai mughi. Si reincrocia il sentiero 425 che arriva dal Cornetto e lo si segue fedelmente sul filo, dove appare panoramico tutto il versante ovest, salendo alla vicina Seconda Cima (1996 m – 0.30’).
Solo qualche metro in discesa e quando il segnavia devia in quota a sinistra lo si lascia per assecondare la cresta in maggior pendenza tra i mughi su sbiadito segnavia blu. In breve e con facilità si monta sulla vicina Terza Cima (2027 m – 0.10’).
Oltre la cima ora in marcata e meno agevole discesa a perdere quota sbucando fuori dai mughi ben più sotto dove si corre paralleli alla cresta o quasi sul precipitante filo. Si asseconda qualche piccola altura intermedia tagliandone la base dell’ultima e dopo qualche metro in discesa si perviene all’incrocio con il sentiero che arriva dal rif. Casarota presso il Bus de le Zole (2070 m – 0.30’).
Nuovamente sul segnavia ci si discosta man mano dalle pareti a destra e con contenuta salita ci si porta alla base dell’ormai prossimo Becco di Filadonna ove si riprende la cresta ed il 425 e presso cui si ritornerà dopo la digressione alla cima. Da questo punto è ben visibile la traccia che conduce alla grande croce posta sull’anticima orientale. Presso le prime grosse rocce a destra – evidenti segnavia – lasciamo questa traccia e le sormontiamo, volendo anche eventualmente su tratti alpinistici appena accennati, fino alle rocce solcate da marcate spaccature della vetta del Becco di Filadonna (2150 m – 0.20’).
Dalla cima è possibile scendere verso sud-est e calare ad una sottostante cengia in varie soluzioni facendo attenzione ad alcuni passi su roccia più marcati e toccare l’anticima presso la croce. Eventualmente più agevole salire prima all’anticima est ed arrampicare alla principale, quindi ridiscenderne il versante nord. Si ritorna al bivio sotto la cima e si continua su 425 a nord tagliando sotto una prima altura e portarsi quindi alla Bocca di Val Larga presso la quale arriva il breve tratto dal biv. Vigolana (2060 m – 0.20’).
Dalla forcella a sinistra su 450 tra mughi, roccette e facili canalini tra i mughi in breve alla meno attraente ma panoramica Cima della Vigolana (2148 – 0.20’).

Dalla Vigolana si ritorna sui propri passi all’incrocio sotto il Becco, si devia a destra e si continua a scendere sul 425 parallelo alla salita ma decisamente più sotto. Si asseconda il sentiero a mezza costa e giunti ad un bivio – segnavia ed indicazioni anche sulla roccia - si continua a sinistra dove la traccia prosegue ora in falsopiano tra i mughi. Ci si alza in prossimità della Terza Cima contornandola poco sotto sul lato destro e riprendere la cresta oltre risalendo la Seconda Cima e quindi al bivio incrociato dopo il s.a. Gentilini. Si continua ora a destra salendo verso il vicino Cornetto spostandosi in breve sul lato occidentale. Con gli ultimi metri di salita appena più marcata e gli ultimi passi su roccia si sormonta la spaziosa cima del Cornetto (2060 m – 1.00’). Interessanti le postazioni militari presso la cima quanto le due terrazze con le indicazioni delle cime in panorama.
Si prosegue oltre la cima, si ignora una deviazione a destra presso un vicino capitello e scendendo i pochi metri che la separano dal bivio con il s.a. Gentilini intrapreso in salita. Ora seguendo fedelmente tutto il tratto già percorso sul 451 facilmente ed in rilassante discesa sui prati e sulla finale mulattiera sino al PP di passo Sommo (1341 m – 1.00’)

Panoramicamente esteso su buona parte del percorso tra le varie cime il giro si rivela molto bello.
Facile ma a tratti esposto il Sentiero attrezzato Gentilini e decisamente meritevole di percorrenza lasciando la breve salita al Cornetto al ritorno. Il tratto senza segnavia dalla Terza Cima al Bus de le Zole è chiaramente percorribile nel suo orientamento. Per la salita alla cima del Becco di Filadonna eventualmente salire prima alla grande croce dell’anticima est e poi le rocce sud, quindi rientrare sul versante nord.

Dal bivio sotto il Cornetto: 439 ad E per passo della Fricca
Dal Bus de le Zole : 432 ad E per rif. Casarota
Da Bocca di Val Larga: 435 a N per biv. Vigolana

2015
Serena, Dario, Mattia e Michele
static map
0

PrivacyMenu

Copyright

Copyright © 2021 somariteam.it. Tutti i diritti riservati.